fbpx
This is Photoshop's version  of Lorem Ipsn gravida nibh vel velit auctor aliquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit.uci elit consequat ipsutis sem nibh id elituci elit consequat ipsutis ...

Contact us

Eighth Avenue 487, New York 
Phone: +387643932728
Phone: +387123456789

Blog

Home  /  Blog   /  La nuova relazione della moglie influisce sull’assegno divorzile?

La nuova relazione della moglie influisce sull’assegno divorzile?

Divorzio e  diritto all’assegno divorzile: la nuova relazione della moglie influisce sull’assegno?

Ovvero: la moglie ha il diritto di rifarsi una vita affettiva dopo la fine del matrimonio?

Il caso: l’ex moglie, dopo il divorzio, ha una nuova relazione. L’assegno divorzile deve essere annullato, la Cassazione non ha dubbi.

Secondo la Cassazione, con ordinanza 16 ottobre 2020 n. 22604, una stabile e consolidata relazione affettiva con un nuovo compagno è causa della perdita dell’assegno divorzile.
Ne deriva che il marito che invocherà la insussistenza dei presupposti per la liquidazione di tale assegno a causa dell’esistenza di una relazione sentimentale della ex moglie, dovrà provare che il rapporto sentimentale è pluriennale, caratterizzato da ufficialità, fondato sulla quotidiana frequentazione, caratterizzato da periodi più o meno lunghi di piena ed effettiva convivenza e l’assunzione di impegni reciproci di assistenza morale e materiale tra la ex moglie e il nuovo compagno.

Tali caratteristiche di una relazione affettiva sono quelle che identificano una famiglia di fatto, la cui esistenza è incompatibile con obblighi di assistenza nascenti da un precedente matrimonio.

Tale sentenza se è coerente con il principio di autoresponsabilità economica di ciascuno degli ex coniugi, è però in contrasto con i principi che le Sezioni Unite hanno sancito circa i presupposti necessari per poter richiedere l’assegno divorzile.

Ma allora l’unico modo per una moglie di vedersi garantito e ricompensato l’impegno profuso in famiglia e il sacrificio della propria vita lavorativa e rispettato il proprio diritto a rifarsi una nuova vita affettiva è quello di ottenere la liquidazione di una somma “una tantum”?
Oggi giorno quanti mariti sono nella condizione di anticipare alla ex moglie in fase di divorzio una ingente somma in un’unica soluzione?
Potrà mai rifarsi una vita una donna il cui marito non ha un patrimonio alle spalle che gli consenta di “liquidarla” immediatamente?

Se desideri chiarimenti su questo argomento contattaci al numero 02.43982209 oppure invia una mail a studio@dinellalex.it

Sorry, the comment form is closed at this time.